APNEA NOTTURNA E CUORE

Associazione tra apnea ostruttiva notturna non diagnosticata ed eventi
cardiovascolari postoperatori nei pazienti sottoposti ad interventi di
chirurgia non cardiaca maggiore.

Di Enri Gliozheni


L’apnea ostruttiva notturna (OSA) non diagnosticata aumenta i rischi cardiovascolari nella popolazione generale ma rimane incerto se tale disturbo porta anche all’aumento del rischio cardiovascolare nel periodo perioperatorio negli interventi di chirurgia non cardiaca maggiore.
Recentemente è stato pubblicato su JAMA uno studio prospettico condotto su 1218 pazienti adulti a rischio (età media, 67 [DS, 9] anni, 40,2% donne) senza pregressa diagnosi di apnea notturna e sottoposti a chirurgia non cardiaca maggiore (8 ospedali distribuiti in 5 stati degli USA) tra gennaio 2012 e luglio 2017, con follow-up fino ad agosto 2017.
Il monitoraggio postoperatorio comprendeva la pulsossimetria notturna e la misurazione di concentrazioni di troponina cardiaca.
L’apnea ostruttiva notturna è stata classificata come lieve (indice degli eventi respiratori [REI] 5-14.9 eventi / h), moderata (REI 15-30) e grave (REI > 30), basato sul monitoraggio preoperatorio del sonno.
L’outcome primario era composto da danno miocardico, morte cardiaca, insufficienza cardiaca, tromboembolia, fibrillazione atriale e ictus entro 30 giorni da chirurgia.
A 30 giorni i tassi di l’outcome primario erano del 30,1% (41/136) per i pazienti con OSA grave, 22,1% (52/235) per pazienti con OSA moderata, 19,0% (86/452) per pazienti con OSA lieve e 14,2% (56/395) per pazienti senza OSA.
L’OSA era associata a un rischio più elevato per l’outcome primario (hazard ratio aggiustato [HR], 1,49 [IC 95%, 1,19-2,01], P = 0,01); tuttavia, l’associazione era significativa solo tra i pazienti con OSA grave (aggiustata HR, 2,23 [IC 95%, 1,49-3,34]; P = 0,001) e non tra quelli con OSA moderata (HR aggiustata, 1,47 [IC 95%, 0,98 / 8,09]; P = .07) o OSA lieve (HR aggiustato, 1,36 [IC 95%, 0,97-1,91], P = 0,08) (P = 0,01 per l’interazione).
La durata media cumulativa della desaturazione di ossiemoglobina inferiore all’80% durante i primi 3 notti postoperatori nei pazienti con complicanze cardiovascolari (23,1 [IC 95%, 15,5-5,7] minuti) era più lunga rispetto a quelli senza complicanze cardiovascolari (10,2 [95% CI, 7,8-10,9] minuti) (P <0,001).
Non sono stati osservati significativi effetti di interazione sugli esiti perioperatori con il tipo di anestesia, uso di oppioidi postoperatori e ossigenoterapia supplementare.
Gli autori concludono che tra gli adulti a rischio sottoposti a chirurgia non
cardiaca maggiore l’apnea ostruttiva notturna grave non diagnosticata è
associata ad un aumento significativo del rischio di complicanze
cardiovascolari postoperatorie a 30 giorni.
“Il cuscino mi ha chiesto l’amicizia… mi sa che l’accetto. Buonanotte! “
(Anonimo).

Condividi

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Altri articoli

C'è infarto e infarto

QUANDO ARRIVA LENTO

Di Carlo Bernabei I sintomi di infarto vengono sottovalutati se insorgono gradualmente Le persone che hanno un infarto con sintomi a insorgenza lenta spesso cercano

Un nuovo studio

STATINE E DEPRESSIONE

Di Enri Gliozheni Le stime dell’OMS suggeriscono che la depressione colpisce più di 300 milioni di persone di tutte le età a livello globale (OMS