IL FATTORE “D”

Vitamina D e rischio cardiovascolare. Servono i supplementi?
Prof. Francesco Vittorio Costa

l fascino diffuso della vitamina D come panacea per molte malattie, comprese le malattie cardiovascolari è responsabile nell’ultimo decennio, di un aumento di circa 100 volte del test per il dosaggio della vitamina D e dell’integrazione orale, in gran parte nelle popolazioni a basso rischio di carenza di vitamina D .1 La valutazione dei livelli di vitamina D è il quinto test di laboratorio più comunemente ordinato negli Stati Uniti, con un costo annuale stimato di circa $ 350 milioni.
La popolarità di l’integrazione di vitamina D è dovuta, almeno in parte, all’interpretazione errata della forte associazione epidemiologica tra i livelli di vitamina D e una vasta gamma di patologie, che hanno portato a proporre l’ipotesi di una potenziale causalità Una metanalisi recente ha indagato se l’uso dei supplementi di vitamina D sia realmente efficace nel ridurre gli eventi CV.
La meta-analisi ha incluso studi clinici randomizzati che hanno coinvolto oltre 83000 partecipanti, in cui si è testata l’associazione tra supplementazione di vitamina D ed una eventuale riduzione degli eventi CV totali, dei singoli eventi CV e della mortalità per tutte le cause.
Sono stati inseriti solo studi clinici randomizzati che riportavano l’effetto della supplementazione di vitamina D a lungo termine (≥1 anno). Sono stati esclusi gli studi che
non includevano esiti cardiovascolari.
I dati sono stati elaborati in modo indipendente da 2 autori.
Gli endpoints erano eventi CV totali, infarto miocardico, ictus o incidente cerebrovascolare, mortalità per CV e mortalità per tutte le cause.
Sono stati inclusi 21 studi clinici randomizzati (83291 pazienti, di cui 41669 hanno ricevuto vitamina D e 41622 hanno ricevuto placebo). L’età media (SD) dei partecipanti al trial era di 65,8 (8,4) anni; 61943 (74,4%) erano donne. Solo 4 studi avevano gli eventi CV prespecificati come endpoint primario.

La supplementazione di vitamina D rispetto al placebo non ha modificato l’incidenza di eventi avversi cardiovascolari maggiori (RR, 1,00 [IC 95%, 0,95-1,06], P = 0,85) né gli
endpoint secondari di infarto miocardico (RR, 1,00 [IC 95% , 0.93-1.08]; P = .92), ictus (RR, 1.06 [95% CI, 0.98-1.15]; P = .16), mortalità CV (RR, 0.98 [IC 95%, 0.90-1.07]; P = . 68), o mortalità per tutte le cause (RR, 0.97 [IC 95%, 0.93-1.02]; P = .23). I risultati erano generalmente coerenti per sesso, livello basale di 25 idrossivitamina D,
dosaggio di supplementazione di vitamina D, formulazione (dosaggio giornaliero vs bolo) e presenza o assenza di concomitante somministrazione di calcio.
Questa meta-analisi aggiornata ha evidenziato che la supplementazione di vitamina D non è stata associata a una riduzione degli eventi cardiovascolari maggiori, dei singoli
eventi CV (infarto miocardico, ictus, mortalità cardiovascolare) o della mortalità per tutte le cause.
I risultati suggeriscono che l’integrazione con vitamina D non conferisce protezione cardiovascolare e non è indicata per questo scopo.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Altri articoli

ASIAM News

Ormoni tiroidei

Effect of Short-Term L-Thyroxine Therapy on Left Ventricular Mechanics in Idiopathic Dilated Cardiomyopathy Hala Mahfouz Badran, MD, FESC, FRCP, Naglaa Faheem, MD, Amr Zidan, MSc,

ASIAM News

RIPULIRE LE ARTERIE

Is Coronary Plaque Regression Possible? In un editoriale del mese di gennaio 2021 della Mayo Clinic e Medscape viene posta la questione: è possibile la

ASIAM Associazione Scientifica Interdisciplinare Aggiornamento Medico