IL FATTORE “D”

Vitamina D e rischio cardiovascolare. Servono i supplementi?
Prof. Francesco Vittorio Costa

l fascino diffuso della vitamina D come panacea per molte malattie, comprese le malattie cardiovascolari è responsabile nell’ultimo decennio, di un aumento di circa 100 volte del test per il dosaggio della vitamina D e dell’integrazione orale, in gran parte nelle popolazioni a basso rischio di carenza di vitamina D .1 La valutazione dei livelli di vitamina D è il quinto test di laboratorio più comunemente ordinato negli Stati Uniti, con un costo annuale stimato di circa $ 350 milioni.
La popolarità di l’integrazione di vitamina D è dovuta, almeno in parte, all’interpretazione errata della forte associazione epidemiologica tra i livelli di vitamina D e una vasta gamma di patologie, che hanno portato a proporre l’ipotesi di una potenziale causalità Una metanalisi recente ha indagato se l’uso dei supplementi di vitamina D sia realmente efficace nel ridurre gli eventi CV.
La meta-analisi ha incluso studi clinici randomizzati che hanno coinvolto oltre 83000 partecipanti, in cui si è testata l’associazione tra supplementazione di vitamina D ed una eventuale riduzione degli eventi CV totali, dei singoli eventi CV e della mortalità per tutte le cause.
Sono stati inseriti solo studi clinici randomizzati che riportavano l’effetto della supplementazione di vitamina D a lungo termine (≥1 anno). Sono stati esclusi gli studi che
non includevano esiti cardiovascolari.
I dati sono stati elaborati in modo indipendente da 2 autori.
Gli endpoints erano eventi CV totali, infarto miocardico, ictus o incidente cerebrovascolare, mortalità per CV e mortalità per tutte le cause.
Sono stati inclusi 21 studi clinici randomizzati (83291 pazienti, di cui 41669 hanno ricevuto vitamina D e 41622 hanno ricevuto placebo). L’età media (SD) dei partecipanti al trial era di 65,8 (8,4) anni; 61943 (74,4%) erano donne. Solo 4 studi avevano gli eventi CV prespecificati come endpoint primario.

La supplementazione di vitamina D rispetto al placebo non ha modificato l’incidenza di eventi avversi cardiovascolari maggiori (RR, 1,00 [IC 95%, 0,95-1,06], P = 0,85) né gli
endpoint secondari di infarto miocardico (RR, 1,00 [IC 95% , 0.93-1.08]; P = .92), ictus (RR, 1.06 [95% CI, 0.98-1.15]; P = .16), mortalità CV (RR, 0.98 [IC 95%, 0.90-1.07]; P = . 68), o mortalità per tutte le cause (RR, 0.97 [IC 95%, 0.93-1.02]; P = .23). I risultati erano generalmente coerenti per sesso, livello basale di 25 idrossivitamina D,
dosaggio di supplementazione di vitamina D, formulazione (dosaggio giornaliero vs bolo) e presenza o assenza di concomitante somministrazione di calcio.
Questa meta-analisi aggiornata ha evidenziato che la supplementazione di vitamina D non è stata associata a una riduzione degli eventi cardiovascolari maggiori, dei singoli
eventi CV (infarto miocardico, ictus, mortalità cardiovascolare) o della mortalità per tutte le cause.
I risultati suggeriscono che l’integrazione con vitamina D non conferisce protezione cardiovascolare e non è indicata per questo scopo.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Altri articoli

Da newence.com

ALCOL E FUMO? MEGLIO NO

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista internazionale Scientific Reports, il bere e il fumare quotidianamente può associarsi a un modesto aumento dell’età relativa del cervello rispetto a

Uno studio californiano

A COSA SERVE IL DIGIUNO

SERVE IL DIGIUNO INTERMITTENTE? Da tempo si discute sul valore del digiuno intermittente. Studi eseguiti sui topi limitando l’assunzione di cibo ad una finestra di