IL SONNO È IMPORTANTE

Dormire poco costituisce un fattore di rischio di fibrillazione atriale
Prof. Francesco Vittorio Costa

La scarsa qualità del sonno sembra essere un importante fattore di rischio per la fibrillazione atriale (FA).
Questa scoperta compare nel primo studio del suo genere che dimostri una
relazione tra scarsa qualità del sonno (indipendente dalle apnee notturne) e un rischio più elevato di fibrillazione atriale. Alcuni studi hanno evidenziato in passato che le apnee ostruttive sono un fattore di rischio per la FA, ma il meccanismo non è chiaro.
Tuttavia l’effetto del sonno di per se sul rischio di FA è rimasto sconosciuto e dato che le strategie per migliorare la qualità del sonno sono diverse da quelle che si concentrano sull’alleviamento dell’ostruzione delle vie aeree, è importante capire la relazione tra il sonno stesso e la FA. Sono stati quindi esaminati di dati di quattro studi per un totale di oltre 30.000 pazienti adulti sottoposti a polisonnografia diagnostica dal 1999 al 2015. La prevalenza di fibrillazione atriale è stata identificata mediante registrazione continua dell’ECG durante la polisonnografia.
L’eventuale associazione tra durata del sonno e prevalenza e incidenza della fibrillazione atriale, è stata valutata statisticamente aggiustando per età, sesso, BMI, ipertensione, malattia coronarica, malattia cerebrovascolare, malattia vascolare periferica, insufficienza cardiaca e gravità dell’apnea notturna.

L’analisi dei dati ha mostrato che gli individui che al controllo basale hanno riportato risvegli notturni più frequenti hanno mostrato un rischio maggiore di sviluppare AF sia prima che dopo l’adeguamento per potenziali fattori di confondimento. All’interno di un sottogruppo di questi soggetti che erano stati sottoposti a studi formali sul sonno si è scoperto che è soprattutto la riduzione del sonno REM che predice la FA futura.
All’inizio dello studio, nei 30.061 individui esaminati (età media ± DS, 51,0 ± 14,5 anni; 51,6% donne) sono stati osservati 404 casi di soggetti che erano già in fibrillazione atriale e sono stati sottoposti a polisonnografia. Si è scoperto che ogni riduzione di 1 ora della durata del sonno è stata associata ad un aumento del rischio di prevalenza di fibrillazione atriale di 1,17 volte . Tra i 27.589 pazienti senza fibrillazione atriale al basale, sono stati identificati 1.820 casi di comparsa difibrillazione atriale durante un follow-up mediano di 4,6 anni. In questi soggetti, 1 ora di riduzione della durata del sonno è stata associata a un aumento del rischio di
fibrillazione atriale di 1,09 volte.
Infine, per vedere se questi risultati fossero traducibili anche in pazienti riconosciuti dai loro medici come soggetti con difficoltà a dormire, si è esaminato il California Healthcare Cost and Utilization Project (HCUP), una serie di database di cartelle cliniche di tutti i residenti in California di età pari o superiore a 21 anni che hanno ricevuto assistenza in un’unità di chirurgia ambulatoriale della California, in un pronto soccorso o in un ospedale ospedaliero tra gennaio 2005 e dicembre 2009.
Tra diversi milioni di persone analizzati, i dati HCUP hanno confermato che una diagnosi d’insonnia prevedeva spesso una diagnosi di FA sia prima che dopo l’aggiustamento per potenziali effetti confondenti.
Questi risultati forniscono ulteriori prove del fatto che la qualità del sonno è importante per la salute cardiovascolare e in particolare per la FA.
Gli investigatori hanno stabilito che non c’erano prove che la durata del sonno di per sé fosse un fattore di rischio per la FA. Invece, hanno costantemente osservato che è l’interruzione del sonno a essere un importante fattore di rischio.
Mentre i meccanismi sottostanti sono ancora sconosciuti, questi risultati
possono motivare nuovi modi di pensare, e quindi la ricerca futura, sui fattori che influenzano il rischio di FA.
Infatti, mentre ci sono diversi trattamenti disponibili per la FA, la prevenzione della malattia sarebbe l’ideale. La buona notizia è che la qualità del sonno può essere modificabile ed è qualcosa che almeno in una certa misura è sotto il controllo dell’individuo. È possibile che migliorare il sonno anche con provvedimenti non farmacologici, possa aiutare a prevenire la FA.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Altri articoli

Da newence.com

ALCOL E FUMO? MEGLIO NO

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista internazionale Scientific Reports, il bere e il fumare quotidianamente può associarsi a un modesto aumento dell’età relativa del cervello rispetto a

Uno studio californiano

A COSA SERVE IL DIGIUNO

SERVE IL DIGIUNO INTERMITTENTE? Da tempo si discute sul valore del digiuno intermittente. Studi eseguiti sui topi limitando l’assunzione di cibo ad una finestra di