INSONNIA, SI RISCHIA DI PIÙ

Maggior rischio di ictus e cardiopatia ischemica con l’insonnia
Secondo uno studio cinese, alcuni sintomi dell’insonnia sono associati a un maggior rischio di malattie cardio-cerebrovascolari (CCVD). In particolare sono la difficoltà nell’iniziare o mantenere il sonno (DIMS), il risveglio del mattino (EMA) e la disfunzione diurna (DDF) a causa del cattivo sonno ad aumentare il rischio. Inoltre, sembra che l’associazione sia più forte nei giovani adulti e negli individui senza ipertensione. Queste conclusioni sono frutto di una ricerca, pubblicata su Neurology, in cui Bang Zheng, della Peking University Health Science Center in Cina, e colleghi hanno analizzato i dati di 487.200 individui tra i 30 e i 79 anni senza CCVD al basale, provenienti da 10 diverse regioni cinesi e inclusi nello studio prospettico China Kadoorie Biobank. La presenza e la frequenza di sintomi dell’insonnia sono stati valutati tramite un sondaggio effettuato tra il 2004 e il 2008 in cui i partecipanti hanno riferito di avere avuto DIMS, EMA e/o DDF almeno 3 giorni a settimana. In un follow-up mediano di 9,6 anni sono stati registrati 130.032 casi di CCVD e i tre sintomi dell’insonnia sono stati associati a un lieve aumento del rischio di CCVD totale.
I partecipanti con un sintomo hanno avuto un rischio maggiore di cardiopatia ischemica e di ictus ischemico ma non emorragico. La presenza di tutti i tre sintomi ha aumentato il rischio di CCVD del 18%, di cardiopatia ischemica del 22% e di ictus ischemico del 10% rispetto agli individui asintomatici. E l’associazione tra i sintomi e l’incidenza di CCVD è risultata più forte nei giovani adulti o nei partecipanti senza ipertensione al basale. È da notare che non è stato tenuto conto del sonno non ristoratore e che la valutazione degli unici tre sintomi dell’insonnia inclusi è stata effettuata solo al basale. «Pertanto le nostre conclusioni devono essere interpretate con cautela a causa di possibili bias di informazione» notano autori. Dagli Stati Uniti, James Burke, della University of Michigan e non coinvolto nello studio, ha evidenziato che l’effetto rivelato è molto piccolo e ci sono fattori confondenti non misurati. Mentre per Julio Fernandez-Mendoza, del Penn State College of Medicine non coinvolto nello studio, i sintomi dell’insonnia auto-riferiti per almeno 3 volte a settimana dovrebbero essere presi sul serio dai medici. Gli autori dello studio, infine, sottolineano la necessita di determinare se i cambiamenti nello stile di vita o l’igiene del sonno per migliorare i sintomi dell’insonnia possano ridurre il rischio CCVD.
Neurology. 2019. doi: 10.1212/WNL.0000000000008581
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31694922

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Altri articoli

ASIAM News

MIGLIORARE L’ARIA

Ridurre l’inquinamento atmosferico salverebbe 50.000 vite ogni anno nelle città europee Ridurre l’inquinamento atmosferico ai livelli raccomandati dall’OMS impedirebbe più di 50.000 morti all’anno nelle

ASIAM News

INFARTO DEL MIOCARDIO

Studio sulle cause dell’infarto miocardico con coronarie libere Circulation 2021;143:624-640. Recentemente è stato pubblicato su Circulation uno studio internazionale multicentrico che ha arruolato 301 donne

ASIAM Associazione Scientifica Interdisciplinare Aggiornamento Medico