URICEMIA E MORTALITA’

URICEMIA E MORTALITA'

I livelli sierici di acido urico che discriminano i diversi strati di rischio cardiovascolare sono ancora sconosciuti. Nuove importanti informazioni relative ai livelli di uricemia a cui aumenta le mortalità, giungono dalla pubblicazione di uno studio multicentrico Italiano, lo studio HURRAH, (Uric Acid Right for Heart Health).
Lo studio ha analizzato, durante un follow-up di 20 anni, i dati di pazienti italiani partecipanti a studi longitudinali reclutati in cliniche dell’ipertensione, per esaminare la relazione tra uricemia e mortalità (totale e cardiovascolare ) e per determinare le soglie di cut-off dell’uricemia a cui il rischio aumenta.
La mortalità totale è stata definita come mortalità per qualsiasi causa, quella CV come morte dovuta a infarto miocardico fatale, ictus, morte cardiaca improvvisa o insufficienza cardiaca.
Nell’analisi sono stati inclusi 22 714 soggetti. Le analisi di regressione multivariata di Cox hanno identificato un’associazione indipendente tra uricemia e mortalità totale (hazard ratio, 1,53 [IC 95%, 1,21-1,93]) o CV (hazard ratio, 2,08 [IC 95%, 1,146-2,97]; P <0,001).
Sono stati anche identificati i valori di cutoff di uricemia in grado di discriminare la mortalità totale (4,7 mg / dL) e quella CV (5,6 mg / dL ).
L’ uso di questi valori ha migliorato significativamente la riclassificazione netta del rischio rispetto al grafico del rischio Heart Score (P <0,001).
Sia la mortalità totale che la mortalità cardiovascolare sono risultate essere associate indipendentemente con l’uricemia.

Sono stati inoltre identificati e validati i valori di cutoff specifici per sesso per mortalità totale e CV. Lo studio evidenzia quindi che i livelli uricemia che aumentano il rischio di mortalità
totale e CV sono significativamente inferiori rispetto a quelli utilizzati per la definizione di iperuricemia nella pratica clinica e potrebbero contribuire a migliorare l’identificazione dei pazienti a maggior rischio di CV.

Hypertension. 2020;75:302–308,

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Altri articoli

ASIAM News

Ormoni tiroidei

Effect of Short-Term L-Thyroxine Therapy on Left Ventricular Mechanics in Idiopathic Dilated Cardiomyopathy Hala Mahfouz Badran, MD, FESC, FRCP, Naglaa Faheem, MD, Amr Zidan, MSc,

ASIAM News

RIPULIRE LE ARTERIE

Is Coronary Plaque Regression Possible? In un editoriale del mese di gennaio 2021 della Mayo Clinic e Medscape viene posta la questione: è possibile la

ASIAM Associazione Scientifica Interdisciplinare Aggiornamento Medico